Chiesa e convento dei Padri Cappuccini

Chiesa e convento dei Padri Cappuccini

Ai margini del borgo storico di Pontremoli si ergono la chiesa e il convento dei Cappuccini, insediati a Pontremoli a partire dagli anni Settanta del Cinquecento. La consacrazione della chiesa risale al 1664, come ricorda una lapide tuttora murata nel coro. La presenza delle comunità di frati a Pontremoli è risultata particolarmente determinante in occasione di eventi drammatici come l’epidemia di colera del 1855. Alla dedica originaria a San Lorenzo si associa quella dell’Immacolata Concezione, una devozione cara all’ordine francescano. Chiesa e convento mantengono in larga parte i caratteri originari, ispirati alla semplicità e alla povertà francescana in ossequio alle disposizioni dell’Ordine. Ad ornamento dell’altare maggiore troviamo una notevole pala raffigurante la Vergine con il Bambino in una gloria di angeli, venerata dai Santi Lorenzo, Francesco e da un donatore, opera del pittore fiorentino Jacopo Ligozzi (1547-1627). Dal 2011 la chiesa ospita le reliquie di San Pio di Pietrelcina.

La felice e suggestiva collocazione dell’Ospitale San Lorenzo Martire nei locali dell’ex-Convento dei Cappuccini di Pontremoli ne fa il luogo ideale per ritemprarsi nel fisico e nello spirito dopo il faticoso percorso che da Berceto conduce a Pontremoli, prima tappa Toscana della via Francigena. Pontremoli e la Lunigiana sono state nei secoli terre di passaggio per sovrani, eserciti, mercanti e pellegrini ed hanno sempre avuto la vocazione dell’accoglienza. Il convento si adopera per rispondere al meglio alle necessità dei pellegrini che in numero sempre più crescente percorrono le strade della fede: la via Francigena, la via degli Abati e la via del Volto Santo. Proseguendo la migliore tradizione francescana, il convento, rinnovato recentemente, è in grado di assicurare momenti di autentica serenità e pace ai pellegrini ed ai gruppi di ispirazione religiosa che “busseranno” alla sua porta. 

indietro